Il Sindaco del Comune di Margherita di Savoia Bernardo Lodispoto, il consigliere regionale Filippo Caracciolo ed il dirigente del Consorzio di Bonifica della Capitanata Luigi Nardella hanno tenuto un incontro con una delegazione di agricoltori ed arenaioli della cittadina salinara per illustrare gli aspetti tecnici del progetto, ammesso a finanziamento dalla Regione Puglia per un importo pari a 900mila euro, volto al riutilizzo delle acque reflue a servizio degli arenili di Margherita di Savoia al fine di aumentare la disponibilità di risorse idriche.

La proposta progettuale, molto articolata, si suddivide in tre interventi: la realizzazione di un by-pass e di una nuova condotta che consentano l’invio delle acque provenienti dall’impianto di affinamento di Cerignola nelle vasche di accumulo di Trinitapoli, site a ridosso delle Saline di Margherita di Savoia; la realizzazione di un tronco di collegamento tra le vasche di accumulo di Trinitapoli e la condotta posta a servizio degli arenili in modo da consentire, tramite l’installazione di valvole di intercettazione, di distribuire le risorse idriche esclusivamente alla rete consortile degli arenili; la realizzazione di un nuovo impianto di sollevamento, composto da due pompe di spinta ed un nuovo quadro elettrico, presso l’impianto di affinamento dell’Acquedotto Pugliese.

Il Sindaco di Margherita di Savoia avv. Bernardo Lodispoto ripercorre le tappe dell’intero iter: «Già nella primavera del 2016 il Comune di Margherita di Savoia aveva espresso una manifestazione di interesse per la realizzazione del progetto ma, nonostante i ripetuti solleciti tra settembre 2016 e novembre 2017 da parte della Regione Puglia, nulla era stato fatto. L’iniziativa è stata rilanciata dalla nuova amministrazione comunale che lo scorso 14 dicembre ha richiesto una nuova riunione, nel corso della quale abbiamo appreso che il nostro Comune non aveva presentato alcun progetto preliminare. Col supporto del consigliere regionale Filippo Caracciolo e dell’assessore regionale Giovanni Giannini, che si sono messi a disposizione in modo encomiabile, abbiamo chiesto ed ottenuto che la redazione materiale del progetto fosse affidata al Consorzio di Bonifica della Capitanata, il cui direttore dell’area agraria Luigi Nardella va ringraziato per la grande disponibilità manifestata nei nostri confronti. Lo scorso 8 febbraio è stato presentato un primo studio di fattibilità per un importo di 600mila euro ed infine nei giorni scorsi è stato presentato il progetto dettagliato che la Regione Puglia ha deciso di ammettere a finanziamento per un importo complessivo di 900mila euro. Si tratta di un intervento di importanza strategica per tutelare il lavoro dei nostri agricoltori e mantenere nel tempo l’efficienza di una infrastruttura d’importanza cruciale. Quest’opera rappresenta una soluzione ottimale per migliorare il sistema di distribuzione delle risorse idriche, con indubbi vantaggi sia in termini di risparmio nei costi di gestione sia per quanto concerne il contenimento degli sprechi attraverso una migliore ripartizione delle acque. Credo che questo risultato dimostri come la sinergia tra enti locali e soggetti istituzionali possa portare a risultati importanti per il nostro territorio e riveli la nostra attenzione per le legittime istanze di una categoria che ha bisogno del nostro massimo sostegno come quella degli agricoltori».

UFFICIO COMUNICAZIONE - STAFF DEL SINDACO