L’amministrazione comunale di Margherita di Savoia consegue un importantissimo risultato nel settore della sicurezza urbana, aspetto di cruciale importanza non solo per un miglioramento generale in termini di qualità della vita ma anche per le ricadute positive che esso può avere soprattutto in ambito turistico: il progetto, presentato nei mesi scorsi e relativo al Patto per l’attuazione della sicurezza urbana, è stato ammesso a finanziamento dal Ministero dell’Interno per un importo di 238mila euro che rappresentano il 100% delle somme richieste dal nostro Comune per l’intervento.

Ne dà notizia il Sindaco di Margherita di Savoia, avv. Bernardo Lodispoto, alla luce del decreto del Ministero dell’Interno emanato lo scorso 28 febbraio con cui il Viminale ha disposto lo scorrimento della graduatoria definitiva delle richieste presentate dai Comuni per l’ammissione ai finanziamenti statali garantendo una copertura di ulteriori 30 milioni di euro.

«Come si ricorderà – dichiara il Sindaco Lodispoto – la nostra amministrazione, insediatasi appena pochi giorni prima, concentrò tutti i suoi sforzi per poter presentare entro la scadenza prevista del 30 giugno scorso un progetto per la videosorveglianza delle principali zone del paese. A causa anche della situazione finanziaria del Comune, il progetto non presentava una quota di cofinanziamento e si assestò al 610° posto della graduatoria nazionale. I progetti inizialmente ammessi a finanziamento furono 428, tutti in regime di cofinanziamento. A seguito di assidui contatti con Prefettura e Ministero dell’Interno abbiamo evidenziato la nostra situazione ed ora, in virtù dell’ampliamento dei fondi stanziati per la sicurezza, il nostro Comune è stato ammesso a finanziamento per l’intero importo di 238mila euro: una somma maggiore, per dare l’idea, rispetto a quanto ottenuto da altri comuni viciniori con progetti cofinanziati. In base al progetto, per prevenire situazioni di illegalità e degrado saranno sottoposti a videosorveglianza il Lungomare Cristoforo Colombo, il Lungomare Amerigo Vespucci, le aree di sosta attigue agli stabilimenti balneari, l’area portuale, la Villa Comunale, i giardini attorno al Palazzo di Città, le principali arterie stradali cittadine e le vie di accesso al centro abitato. Riteniamo che, quanto meno come fattore deterrente, questo possa dare un valido aiuto per garantire maggiore sicurezza ai nostri concittadini e ai turisti: un risultato molto importante che ripaga i nostri sforzi per rendere Margherita di Savoia sempre più bella, pulita, sicura e vivibile».

UFFICIO COMUNICAZIONE - STAFF DEL SINDACO